3 Lauren Avenue

Lifestyle
L’Arte dei Berberi
settembre 9, 2016

La sabbia si confonde fine nell’aria che brilla, se apri gli occhi vedi il bianco delle mura, il verde si arrampica sui pergolati, il sole ti acceca e ritaglia un’intensità di azzurro all’orizzonte. La notte poi scende velocemente dopo il lungo girovagare tra le bancarelle di giorno. Sento ancora le voci concitate dei venditori mentre tocco quelle stoffe che odorano di gelsomino e di vento…

Il Nordafrica, terra di datteri e deserti, dove l’odore delle spezie si mischia nei bazar lasciando negli anni il ricordo di quel Paese di cultura e tradizioni. E quel ricordo è ritornato dopo molti anni, mentre cercavo su internet dei tappeti moderni da regalare. Avrei voluto tornare indietro, ferma davanti a quella bancarella di tappeti berberi al mercato di Djerba.

image

Almeno cento tappeti, molti dei quali arrotolati e riposti gli uni accanto agli altri. Le tonalità calde del giallo, dei rossi e dei neri derivanti dai pigmenti dello zafferano, dell’henné e della menta, insieme alle tonalità più accese del verde e del blu, erano tutte mescolate in quei tappeti. Erano il riflesso del Nordafrica. Erano belli e pieni di significato, sinceri anche se criptati e non avevano solo uno scopo decorativo.

Nella cultura tradizionale del popolo berbero, infatti, il tappeto è un manoscritto artistico che racconta la storia, l’esperienza e i sentimenti della donna che l’ha realizzato, rendendolo un vero e proprio diario di vita e la  sua vera bellezza risiede nei messaggi segreti in esso contenuti. Si narra che l’arte del tappeto provenga dal tatuaggio iniziatico praticato originariamente con l’henné sul volto delle giovani in età da marito, trasferiti poi sui tappeti. All’interno delle figure geometriche, sono raffigurati spesso simboli come l’occhio, la mano o il pesce che hanno lo scopo di proteggere la casa e la famiglia che vi abita dagli spiriti del male. Gli spiriti maligni fuggono se nella trama del tappeto viene inserito uno specchio e il motivo romboidale, rappresenta la donna, custode dell’eredità berbera.

image

Il tappeto berbero ha tuttavia uno stile attuale e adatto a rendere accogliente qualsiasi ambiente anche se contemporaneo. Perfetto per un design interno che gioca sul contrasto visivo tra il vecchio e il contemporaneo (www.afolki.com).

image

L’atmosfera lontana, da mille e una notte di questa antica cultura è richiamata anche nel mondo della moda: diversi stilisti, come ad esempio Antonio Grimaldi, Tory Burch e Yves Saint Laurent, hanno realizzato collezioni ispirate a Marrakech e ai tessuti berberi, riconoscendo il valore del loro prezioso incrocio tra cultura e arte.

image

image

image

image

 

EN:

The fine  sand   vanishing  in the glimmer of the day, if you open your eyes you can see the white  walls among he climbing  green of the pergola vine arbour. The sun makes you blind  as it shapes  the blue  away  down at the horizon, an intensity  you would never expect to see. 

Then the night  sinks quickly, after your  long wandering among the street market  stalls. You can still hear  the long tunes  which get confused with the  merchants’ calling out, while you keep on touching,  feeling the colourful  fabrics, the embroidered materials, the long caftans  bearing a jasmin and wind scent  which recall the desert dunes exploding into the sea or the desert wanderers‘ white flying  tents  at the beach breeze .

North Africa, with its  dates and its desert land, where the spices’ smell blends out of  the bazars leaving in you the memory of  distant cultures and traditions. And that memory  came back many years  later as I was looking through internet for some modern rugs to buy as a present.

On that moment, I would have gone back, I saw myself standing in front of that stall where Berber rugs and carpets were hanging at the Djerba street market.

At least a hundred carpets, many being  rolled up  and placed all together. The warm fades of the yellow colours, the  red and black  colours of the saffron’s pigment, the hennè, the mint. All  together, the warmer shades of green and blue colours were  standing out of  those, mixed patterned carpets. They were the reflex of North Africa, beautiful and meaningful, straight and natural  even if  encrypted, they had lost their simply decorative aim.

In the Berber ‘s tradition the carpet is like an artistic handcraft work which tells the story, the experience, the feelings of the woman that made it, like a  living diary,  its beauty hiding  the secret message one can read in it.

It is told that the carpet Art craftwork had  its origins in the  designed  tattoo made with the hennè on the face of the young girls  in marrying age, transferred on the carpets later on.

In fact, in the middle of the geometric patterns, you can often find symbols like an  eye, a hand or a fish which should protect  the house and the family from the evil spirits. It is believed that the evil spirits run away if  a mirror or a rombo pattern, representing a woman,    is designed on the carpet bacause they stand for  the  symbols of  the custody of the  heritage of Berber legacy.

Finally, the Berber carpets  hold a modern style, suitable to any modern  interior  style, even  contemporary. As you can see they are perfect for any interior which plays  on visual contrasts, i.e., the old versus the contemporary style. 

The antique atmosphere of this  ancient culture  is also  recalled  in some  fashion styles: many designers like Antonio Grimaldi, Tory Burch and Yve Saint Laurant who have made fashion  collections inspired to Marrakech and the Berber  patterns and materials, were deeply  attracted by this  precious mixture of Art and culture.

 

Photos: www.afolki.com 

 

Share on FacebookTweet about this on Twitter

3 risposte a “L’Arte dei Berberi”

  1. Anna ha detto:

    Bellissimo articolo.Complimenti!

  2. Gabry ha detto:

    Very interesting article congratulation Laura

  3. Davide ha detto:

    Quest’articolo mi ha fatto venir voglia di acquistare un tappeto.
    Complimenti Laura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *